3495 visitatori in 24 ore
 195 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Anima folle (13/08/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5026 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 548 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Il violinista

Fantasy

Abitava nel seminterrato di un condominio alla periferia di una grande città. Conduceva una vita molto riservata e gli altri inquilini lo intravedevano di solito all’imbrunire, quando con le spalle ricurve, andava a buttare il suo sacchetto dell’immondizia. Nel cortile usciva raramente, solo per stendere i panni e dare degli avanzi ai piccioni che si radunavano, per trovare qualcosa da mangiare e ciò dava molto fastidio agli altri condomini, per via degli escrementi lasciati dagli uccelli.

Non si sapeva quasi nulla di lui, della sua vita privata e se avesse dei parenti o meno. Certo, nessuno gli veniva mai a fare visita, né tanto meno gli arrivavano lettere o altro. Nel palazzo lo chiamavano “il musicista” infatti, spesso lo sentivano suonare il violino e dal tono della musica si percepiva che avesse le mani tremolanti.

Aristide, questo era il suo nome, era stato un professore di musica ed anche un compositore, aveva realizzato molti brani di grande valore artistico, ma adesso, quasi tutti si erano dimenticati di lui; soprattutto da quando aveva investito un passante, il quale aveva deciso di suicidarsi, proprio sotto la sua auto e da quel momento, era caduto in uno stato di profonda frustrazione e depressione, da cui non si era più risollevato. Aveva iniziato a bere sempre più spesso e ad isolarsi da tutto e da tutti. Gli amici dapprima cercarono di stargli vicino, ma senza risultato e da allora, scoraggiati, si erano messi da parte lasciandolo sempre più solo.

Quel giorno, era stato particolarmente caldo e Aristide aveva sofferto tanto, fuori c’erano stati all’incirca quaranta gradi ma per l’alto tasso di umidità se ne erano percepiti almeno dieci in più. Per trovare un po’ di sollievo, si era rinfrescato il viso più volte e solo in questo modo era riuscito a stare meglio. Nonostante ciò, aveva deciso che per la sera avrebbe preparato per cena qualcosa di speciale, non il solito panino come soleva mangiare. Così quella mattina era uscito presto, per andare al mercato ed aveva comprato del pesce, della verdura fresca, la frutta ed infine una bottiglia di buon vino, non di quello scadente che era solito bere.

Aveva iniziato a preparare la cena molto presto, spaghetti alle vongole, spigole all’acqua pazza, zucchine al forno con formaggio e pan grattato. Era consapevole di aver esagerato, lui non poteva permettersi di eccedere con il cibo, per via di tutti quei valori delle analisi sballate, ma quella era una serata speciale, unica. Sapeva che sarebbe venuta, lei, la dama dagli occhi di ghiaccio, avrebbe fatto il suo ingresso altera, sprezzante, crudele e non avrebbe provato nessuna pietà. Aveva appena finito di cenare, gustando le pietanze con voracità come non aveva fatto più da diverso tempo, quando una folata improvvisa di vento gelido fece smuovere le tende, Aristide si guardò intorno.

Apparve lei, angusta nel suo abito nero e strisciante. Si avvicinò e gli disse con voce melodiosa che contrastava con lo sguardo freddo e senza espressione: ”Sai già chi sono, vero?”.

Aristide annuì, aveva la gola secca, dalla quale faceva fatica ad uscire anche il più flebile suono. Dopo un attimo di smarrimento le chiese: ”Siediti ancora un po’ e lascia che beva il mio ultimo bicchiere di vino.”

Lei si sedette di fronte dicendogli: ”E va bene… ma solo per un momento non posso trattenermi oltre, il mio compito è assiduo ed interminabile e devo andar a far visita ad altre persone”.

Un’ombra di malinconia attraversò lo sguardo del musicista e le disse: ”Com’è triste morire da soli e senza che nessuno pianga per te, ho allontanato tutte le persone a cui volevo bene ed ora, come vorrei poterli salutare anche per un’ultima volta”.

La dama si impietosì di fronte alla miseria umana ed anche se avrebbe ricevuto una bella sgridata, gli permise di vivere ancora un giorno. Si alzò voltandogli le spalle, poi si rigirò e gli intimò: ”Non un giorno di più!”

Un sudore freddo scese sulle guance scavate ed i brividi di gelo gli attraversarono il corpo, ma fu un attimo, poi a poco a poco ritrovò un po’ di forza. Si ricordò che aveva da qualche parte i numeri di telefono di Teo, il suo migliore amico, di Lorenzo, Umberto, Ale, Pierluigi e di Sofia, la bella ed indimenticabile Sofia. Con grande fortuna riuscì a rintracciare tutti e li invitò a cena per una rimpatriata, anche se questi furono sorpresi di aver ricevuto quell’invito così particolare ed inaspettato, furono ben felici di rivederlo, nessuno l’aveva mai dimenticato ed il loro affetto nei suoi confronti, era stato sempre sincero.

Arrivarono tutti in anticipo portando qualcosa da mangiare: lasagne, il rollè, le melanzane ripiene, crocchette di riso, bocconcini di pollo ed infine le crespelle. Aristide era commosso ed il suo cuore fece una capriola e pensò tra sé, non adesso ti prego, fammi gustare queste squisitezze che mi hanno portato, si potrebbero offendere sai.

Ma sapeva che niente e nessuno avrebbe potuto fermare quell’angelo nero così spietato. Fu una cena al sapore dell’amicizia, dei bei ricordi, poi tutti insistettero perché suonasse qualcosa, Aristide prese il suo strumento e con aria solenne, come faceva un tempo nei suoi concerti, alzò dapprima lo sguardo al cielo e poi, con grande maestria, posò l’archetto sulle corde del violino. La musica dapprima lieve si fece sempre più forte e solenne, invadendo tutto il condominio. Suonò l’Ave Maria di Schubert, le note si alzavano e lei puntualmente arrivò, un velo nero spense per sempre quello sguardo che ebbe solo il tempo di dire grazie.

Tutti restarono sbalorditi, cercarono di rianimarlo, qualcuno chiamò l’ambulanza, altri presero dell’acqua credendo in un malessere passeggero….. ma quelle note così struggenti, l’avevano portato con sé accompagnandolo nell’ultimo viaggio.

Per lui era stato un bel regalo morire con la sua amata musica e soprattutto, accanto a quelle persone, a cui in tutti quegli anni non aveva mai smesso di pensare e volere bene.

Anna Rossi 08/02/2016 06:15 652

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it