3731 visitatori in 24 ore
 190 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Sera d’autunno (13/10/2021)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 9196 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 636 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Storia di paese (Un brutto incontro) 10 episodio

Fantasy

E così Rosalia in fretta e furia raccolse alla rinfusa le poche cose che possedeva e poi uscì di casa per raggiungere Nino che l’ aspettava nel portone. Giunti alla stazione questi rivolgendosi alla ragazza le chiese: “ Uora devi decidere unni vvoi iri, nun si cchiù sula devi pinsari a la picciridda.”

Rosalia si sentiva sull’ orlo di un precipizio, doveva prendere una decisione ed in fretta… la piccolina intanto la fissava con i suoi grandi occhi marroni, lei la guardò con tenerezza ed in quel momento pensò che doveva mettere da parte il suo orgoglio. Disse: ” Figghia mo si torna a casa, annamu dalla nanna.”

Il fischio annunciò l’ arrivo del treno, Nino l’ aiutò a salire poi prima di scendere le disse: ” Rusalia c’è ‘ na cù osa chi nun t’ haju mai rittu pi paura ri ‘ n to rifiuto, iu ti vogghiu, t’ haju sempri amatu do’ primu momento chi t’ haju vistu. U sacciu chi pi tia sunnu sulu n’ amicu ma sappi chi iu pi tia anzi pi vuatri ci sarrò sempri. Ricordatelo… E ù ora me ni a jiri u trì enu sta pi pà rtiri.”

Rosalia non rispose nulla, solo d’ impulso lo abbracciò forte dicendogli: ” Grazzi pi tuttu…”

Nino aspettò la partenza del treno e con il cuore a pezzi disse: ” Bona furtuna Rusalia ti auguro tuttu u beni du munnu. “

Intanto si stavano avvicinando al paese e Rosalia sentiva crescere l’ apprensione, cosa avrebbero detto sua madre e la zia, l’ avrebbero accolta o cacciata via come un appestata? Purtroppo c’ era solo un modo per saperlo, affrontarle. Rosalia guardò dal finestrino, s’ intravedevano già le piccole case addossate una con l’ altra ed il campanile della chiesa di Santa Rosalia. Intorno aranceti carichi di frutta e uliveti dalle piante secolari ed inoltre distese di pistacchi tipica coltivazione di quella parte della Sicilia. Lo stridere del treno sulle rotaie avvisava i passeggeri che stavano per giungere nella piccola stazione. Rosalia prese la figlia e scendendo dal treno disse: “ Arrivau u momentu di la verità, annamu figghia mo.”

Per arrivare a casa doveva attraversare tutto il paese e sicuramente avrebbe incontrato le soliti comari, quindi doveva farsi coraggio a non lasciarsi intimorire. Imboccò l’ incrocio che portava nella piazzetta dove di solito c’ era Sciabè con il suo carretto siciliano ed infatti era proprio lì che aspettava con ansia, l’ arrivo di qualche turista da accompagnare a destinazione. Gli si avvicinò dicendogli: “ Mi po’ purtari a casa? A la cascina ri Totuccia.”

L’ uomo si spostò la coppola dalla fronte e fissandola rispose: ” Ma tu nun si Rusalia, a niputi ri Totuccia, chidda chi jè scappata… e chista nica cu jè? To figghia?”

Rosalia doveva abituarsi alle morbosità tipiche di quella gente quindi con fermezza rispose: “ Viriu chi siti ben informato e allura mi volete purtari a casa si o no?”

Sciabè fece salire la donna e spronò il mulo per muoversi: “ Annamu beddu chi ca ci sunnu fimmine cu a puzza sutta u nasu.” Come previsto al loro passaggio fu un vociare continuo di donne scandalizzate e uomini che seduti sulle panchine si scaldavano al tiepido sole invernale. Poteva sentire le loro voci che dicevano: “ Chista jè sì enza vriù ogna, comu fici a turnari douppu chiddu chi succidiu, jè sì enza u scantu ri Diu.”

Rosalia sentiva un groppo alla gola ma nonostante tutto guardava la figlia e trovava una forza incredibile.

Finalmente uscirono dal centro abitato per poi percorrere l’ ultimo tratto di strada che mancava per raggiungere la cascina. Rosalia guardava con nostalgia quei luoghi così speciali per lei, come il fiume dove si appartava di nascosto con Saro. Già… Saro, chissà se l’ aveva mai pensata e se aveva sospettato minimamente che aveva una figlia. Cacciò via questi pensieri dicendo fra sé: “ Rusalia nun ci devi cchiù pinsari, jè acqua passata, l’ unico pensiero ca aviri jè to figghia.” Purtroppo spesso si fanno i conti senza l’ oste. Difatti, aveva appena smesso di pensare al passato, che qualcuno fece cenno a Sciabè di fermarsi. Questi frenò il mulo ed una donna gli si avvicinò: “ Sciabè fermati, viu chi hai attruvatu ‘ na forestiera ma guardandola beni nun jè ri fù ora ma a conosco beni, nun jè accussì Rusalia?”

Ninetta, la moglie di Saro s’ era materializzata all’ improvviso e non aveva buone intenzioni, le comari del paese si erano affrettate di comunicarle il ritorno di colei che l’ aveva fatta tanto soffrire. Questa incurante della presenza di Sciabè, il quale d’ altra parte osservava divertito la scena, continuò dicendo: ” Viu chi nun si sula, cu jè? U fruttu ri ‘ n à utru piccatu, o a chi fari cu Saro, mo maritu? U sacciu chi u conosci assà i beni…”

Rosalia non si aspettava questo incontro, cercò di trovare tutto il suo coraggio per fronteggiarla e mantenendo la calma rispose: “ Chi vvoi da me, lasciami vì viri e torna a casa to, chista jè figghia mo, sulu mo… jè basta. U passatu jè passatu e nun torna cchiù.” Ninetta le s’ avvicinò ancora e con aria minacciosa l’ avvisò: “ Vattinni da unni si venuta, cu quali coraggio ri si faciuta vì riri, vattinni e guai si ti avvicini a la mo famiglia, chista vù ota t’ ammazzu.” Rosalia si rivolse a Sciabè: “ Spicciati chi a casa mi stannu aspettando e haju pirdutu già assà i tiempu.” Questi si girò verso Ninetta dicendole con sarcasmo: “ Ninetta spostati chi a signura avi fretta…” Quest’ ultima continuò ad imprecare contro Rosalia coprendola di insulti e maledizioni fino a quando il carretto sparì dalla sua visuale. Rosalia era sconvolta da questo incontro inaspettato, sentiva il cuore impazzire e lo stomaco sottosopra, si rendeva conto che non sarebbe stato facile ritornare a vivere lì. Dopo poco intravide la cascina e il fumante comigliolo, disse a Sciabè di fermarsi poco distante, voleva andare a piedi fino a casa.

Appena varcò il vialetto qualcuno le venne incontro gioioso abbaiando, Fido aveva fiutato la sua padroncina ed era letteralmente impazzito dalla gioia, si avvicinò leccandola e saltandole addosso, Rosalia gli disse: “ Fido, fido amicu miu, mi si mancatu tantu, chista jè Rusalia, i devi vuliri beni comu a mia, annamu, ù ora videmu si navutri sarrannu contenti ri vedermi comu te. “ Intravide da lontano la zia Assuntina che stava dando da mangiare alle galline che razzolavano davanti casa, non si accorse di lei fino a quando sentendo il cane abbaiare così forte, alzò la testa per vedere cosa stesse succedendo. Alla vista della nipote, Assuntina restò pietrificata, lasciò cadere il recipiente che aveva in mano rovesciando a terra tutto il grano. Rosalia la conosceva bene e sapeva che nonostante il suo carattere duro aveva un cuore d’ oro. Questa senza un abbraccio, né un saluto le disse: “ Trasi chi a la picciridda ci fa friddu…”

Rosalia annuì e titubante entrò, nel frattempo Totuccia che stava mettendo della legna nel camino per alimentare il fuoco e sentendo la porta aprirsi, disse: “ Assuntina ti si decisa ri trasiri, vvoi chi ti pigghia ‘ n malannu? “

Non ricevendo risposta si girò, restò senza parole, poi corse incontro alla figlia piangendo di gioia: “ Figghia mia, cori mo, si tornata a casa, e chista meravigghia jè a to nica. “ Così dicendo la prese in braccio, non staccandole gli occhi di dosso, non poteva credere a quello che vedeva, quello era un miracolo, un miracolo di Natale.

Anna Rossi 01/01/2021 17:48 1 338

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Veramente un miracolo di Natale... Rosalia, che aveva dubbi ed aveva paura a ritornare nel proprio paese, non si aspettava certamente un’accoglienza così calorosa da parte di Totuccia... Ma la mamma è sempre la mamma... chissà se verrà accettata del tutto o se si tratta solo dell’emozione del momento... Una cosa è certa... la povera Rosalia, chissà per quanto tempo dovrà sopportare tutte le voci che adesso circoleranno su di lei... un paese piccolo e arretrato come mentalità, non farà sconti... specialmente ad una donna che ha avuto una storia, ed una figlia, con un uomo sposato.»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Un racconto commovente che prende e coinvolge. (Vivì)

B U O N A N N O e complimenti. (Vivì)



Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:













Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Vicini vicini... lontani lontani
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Storia di paese (L’ombra della magia nera) 34 Episodio
Storia di paese (La rivelazione sconvolgente) 33 Episodio
Storia di paese (La fuga) 32 episodio
Storia di paese (Un piano diabolico) 31 Episodio
Storia di paese (Antonino Privitera) 30 Episodio
Storia di paese (L’amaro risveglio) 29 episodio
Storia di paese (Follia) 28 episodio
Storia di paese (La sconvolgente confessione) 27 episodio
Storia di paese (Una visita inaspettata) 26 episodio
Storia di paese (La marchesa) 25 episodio
Storia di paese (La serpe in seno) 24 episodio
Storia di paese (L’incendio) 23 episodio
Storia di paese (La vita spezzata) 22 episodio
Storia di paese (Un brutale assassinio) 21 episodio
Storia di paese (Una scelta sofferta) 20 Episodio
Storia di paese (La proposta) 19 episodio
Storia di paese (Una brutta sorpresa) 18 Episodio
Storia di paese (La frana) 17 Episodio
Storia di paese (Saro e Bruno) 16 episodio
Storia di paese (La tata) 14 Episodio
Storia di paese (L’imprevisto) 15 Episodio
Storia di paese (La verità) 13 EPISODIO
Storia di paese (U barone) 12 EPISODIO
Storia di paese (La ribellione) 11 episodio
Storia di paese (Un brutto incontro) 10 episodio
Storia di paese (Il ritorno) 9 episodio
Storia di paese (L’abbraccio) 8 episodio
Storia di paese (Il muro) 7 episodio
Storia di paese (La Speranza)
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Vicini vicini... lontani lontani
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Storia di paese (L’ombra della magia nera) 34 Episodio
Storia di paese (La rivelazione sconvolgente) 33 Episodio
Storia di paese (La fuga) 32 episodio
Storia di paese (Un piano diabolico) 31 Episodio
Storia di paese (Antonino Privitera) 30 Episodio
Storia di paese (L’amaro risveglio) 29 episodio
Storia di paese (Follia) 28 episodio
Storia di paese (La sconvolgente confessione) 27 episodio
Storia di paese (Una visita inaspettata) 26 episodio
Storia di paese (La marchesa) 25 episodio
Storia di paese (La serpe in seno) 24 episodio
Storia di paese (L’incendio) 23 episodio
Storia di paese (La vita spezzata) 22 episodio
Storia di paese (Un brutale assassinio) 21 episodio
Storia di paese (Una scelta sofferta) 20 Episodio
Storia di paese (La proposta) 19 episodio
Storia di paese (Una brutta sorpresa) 18 Episodio
Storia di paese (La frana) 17 Episodio
Storia di paese (Saro e Bruno) 16 episodio
Storia di paese (La tata) 14 Episodio
Storia di paese (L’imprevisto) 15 Episodio
Storia di paese (La verità) 13 EPISODIO
Storia di paese (U barone) 12 EPISODIO
Storia di paese (La ribellione) 11 episodio
Storia di paese (Un brutto incontro) 10 episodio
Storia di paese (Il ritorno) 9 episodio
Storia di paese (L’abbraccio) 8 episodio
Storia di paese (Il muro) 7 episodio
Storia di paese (La Speranza)
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2021 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it