2986 visitatori in 24 ore
 175 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Perduto l’attimo (16/10/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5184 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 544 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Quello che conta

Amore

Uno spicchio di luna spiava tra le ombre della sera, Giorgio affrettava il passo verso casa.
Dopo una pesante giornata di lavoro, con il capo che continuava a fargli pressing, non vedeva l’ ora di sdraiarsi, finalmente, sul divano e poter leggere il giornale in pace.
Beh…, diciamo che proprio in pace no, con la moglie che continuava a brontolare, i bambini che correvano per casa lanciandosi tutto quello che avevano in mano, la figlia adolescente, in preda ad una crisi esistenziale, chiusa in camera, con la musica a palla. Il cane, che gli rubava le scarpe e poi, andava in un angolo a mordicchiarle… ripensandoci, non è che avesse tanta voglia di rientrare. Tergiversò un po’, parcheggiò l’ auto vicino ad un supermercato, entrò e comprò un panino farcito al prosciutto, perché cominciava a sentir fame. Si sedette su una panchina del parco, iniziò a mangiare e addentò il pane, con voracità, gli sembrava così gustoso. Assaporava ogni boccone con delizia, mai mangiato un panino tanto buono… almeno così gli pareva.

Il parco, a quell'ora, era così tranquillo e finalmente poteva godersi un po’ di quiete.
Il telefono squillò, facendolo sussultare, era sua moglie Beatrice, la quale cominciava a preoccuparsi per il ritardo.

Lui, senza pensarci, staccò il telefonino, non voleva parlare con nessuno. Strano, non avvertiva alcun senso di colpa verso la famiglia, si crogiolava in quei momenti unici e rari, lui, sempre oppresso da doveri ed incombenze: bollette da pagare, il mutuo, il bollo auto, l’ assicurazione ed altro… Si sentiva soffocare, aveva voglia di evadere, di pensare un po’ solo a se stesso.
Mentre era intento a formulare queste congetture fantastiche, gli si sedette accanto una persona anziana, la quale gli chiese: “ Disturbo?”
Lui, seppur infastidito, rispose: “ Ma certo che no!” anche se in cuor suo, pensava a quando se ne sarebbe andato.
Il nonno, intanto, per niente imbarazzato, cominciò a fare domande, se era sposato, se aveva figli, e così via... Giorgio rispose in modo evasivo, ma lui, senza scoraggiarsi, continuò: “ Io purtroppo, sono solo, sa, ho avuto anch'io una moglie che mi ha lasciato tempo fa e avevo dei figli, anzi, ho dei figli, ma sono anni che non li vedo, credo che la colpa sia stata anche mia, se mi hanno abbandonato, adesso le racconto la mia storia.”
Giorgio, spazientito, fece per alzarsi, ma l’ uomo lo trattenne dicendo: “ La prego, mi faccia un po’ di compagnia, passo le mie giornate in solitudine, inoltre, dolorosi ricordi e rimpianti, non mi lasciano dormire!”
Sentì una morsa nel cuore, tanto da non riuscire a dire di no e aggiunse: “ Va bene, resterò ancora per pochi minuti:”
Rincuorato, nonno Beppe, iniziò a raccontare la sua storia: “ Un tempo, ero un Dirigente di un’ azienda che aveva commesse, anche all'estero, la mia vita era tutta incentrata sulla carriera, sugli amici, sul mio aspetto fisico, la palestra… ed avevo pochissimo tempo da dedicare ai miei figli e a mia moglie. Lei, ad un certo punto, non ha resistito più a lungo e mi ha lasciato, portandosi dietro i figli. All'inizio, mi sentivo quasi liberato da un peso, non mi rendevo conto che una parte di me se ne era andata. Nei giorni successivi, continuai la vita di sempre, ma più passava il tempo, più sentivo un vuoto crescere dentro, diventando una voragine. Fino a quando ho realizzato che quello che mi mancava era la mia famiglia, l’ abbraccio dei miei figli, il calore di una casa, l’ amore di mia moglie. Allora, sono andato a cercarla, ma lei, ormai, mi aveva cestinato nei ricordi ed i figli, pieni di rancore, non si ricordavano più nemmeno il mio viso. Sono andato via con la coda fra le gambe e con il peso sulle spalle dei miei errori, adesso eccomi qua, a compiangermi, malato e solo ed i miei occhi sono aridi di pianto.”
Giorgio, restò impietrito dal racconto del vecchio e con la bocca asciutta si girò per dirgli qualcosa di carino, ma lui se ne era già andato, incamminandosi a passo lento, lungo il viale, con le spalle ricurve, sostenendosi ad un bastone!

Non riusciva a credere cos'era successo, guardò l’ orologio e si accorse che era tardissimo, riaccese il telefonino e vide che Beatrice l’ aveva chiamato, forse una ventina di volte. Si affrettò a telefonarle per rassicurarla, dicendole che aveva avuto degli imprevisti sul lavoro.

Salì in auto, quella sera, la strada del ritorno, gli sembrò così lontana come non mai. Appena fu a casa, aprì la porta, il cane le saltò addosso, leccandolo tutto, la moglie con l’ aria preoccupata ma rabbonita le andò incontro, e i bambini lo circondarono con abbracci e baci. Si vergognò di se stesso per quello che aveva pensato e per aver rischiato di smarrire la strada di casa.
Era stato un attimo, ma gli era balenata l’ idea di fuggire lontano, alla ricerca di un qualcosa, che lui erroneamente, chiamava libertà.
No, non importava la sua stanchezza, non importava il sentirsi a volte prigioniero, quello che contava era l’ amore immenso che possedeva e che poteva ancora donare. Si sedette sul divano, prese il giornale, per leggere un po’, la cena, ormai era fredda sul tavolo apparecchiato. Si guardò intorno, i bambini avevano fatto la confusione di sempre, giochi dappertutto, il cane scodinzolava per casa, la musica del piano superiore indicava che la figlia era già tornata, gli scappò un sorriso, chiuse il giornale, chiamò Beatrice e le disse: ” Che ne diresti se parliamo un po’?”. Lei lo guardò sorpresa ed un velo coprì i suoi occhi verde mare, rispose: ” Stai bene? Certo che avrei voglia di scambiare qualche parola con te, anzi, dovrei dirti qualcosa di molto importante”.
Lui cominciava a sudare e intanto, pensava:” Non è che mi vuole lasciare come ha fatto la moglie di Beppe?” La guardò dritta negli occhi e lei, prendendogli la mano, l’ avvicinò sul suo ventre e disse: “ E se facciamo un’ altra stanzetta al piano superiore?”. Un’ emozione di gioia lo pervase tutto ed ebbe soltanto la forza di dirle: ” Con gran piacere, tesoro!”. L’ abbracciò forte, questo era amore, questa era la sua vita, non poteva desiderare di più.

Si sentiva fortunato e ripensò a nonno Beppe con malinconia, ma la sua mente, ritornò indietro nel tempo, quando aveva visto il padre, con le valigie in mano, sulla porta di casa, andarsene la vigilia di Natale. Da allora, non l’ aveva mai più incontrato.
Ricacciò questi pensieri nel profondo del proprio io, non voleva pensarci, al solo ricordo, il dolore diventava più acuto e sottile, quasi insopportabile. La sera successiva, uscì dall'ufficio e si recò al parco, sedette sulla panchina guardandosi in giro con ansia, sperando di rincontrare Beppe, ma dopo un’ ora di vana attesa, stava decidendo di andar via, quando ecco apparire da lontano, una sagoma che avanzava con fatica, era proprio lui!
Gli andò incontro dicendo: “ Nonno, ti va di venire a cena a casa mia?”. Lui non credeva a ciò che aveva sentito, rispose con un filo di voce, accettando l’ invito.

Giorgio telefonò a Beatrice e le disse solo: ” Aggiungi un posto a tavola perché abbiamo un ospite!”. La moglie, chiese chi fosse e lui con semplicità rispose: ” E’ un nonno per i nostri bambini!”.

Anna Rossi 14/06/2015 07:46 2 547

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Una dolcissima storia d'amore, che commuove.
Mi hai fatto piangere per quel ritrovare i sentimenti che parevano trascurati.
E poi il nonnino che ha commosso Giorgio, l'invito a casa: una famiglia ritrovata e un affetto per chi era solo ed ora ha una nuova vera famiglia.
Molto piaciuta, complimenti!»
Clelia Maria Parente

«dire bella é dir poco un racconto che arriva dritto al cuore, purtroppo non riusciamo a capire ciò che di bello abbiamo sin quando non ci viene a mancare... direi un incontro fortunato per entrambi, per Giorgio che finalmente dopo il racconto di quel signore riassapora il calore della casa e per il nonno che trova una nuova famiglia, alla quale dare l'amore tolto alla propria... il mio sincero elogio bello»
carla composto

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

annina sei stupenda... conservo e S (carla composto)

bellissima storia ricca di amore e sentimenti. (Clelia Maria Parente)

Bella , dolce e a lieto fine.. (Annamaria Gennaioli)



Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it