3721 visitatori in 24 ore
 189 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Sera d’autunno (13/10/2021)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 9196 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 636 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Storia di paese (La tata) 14 Episodio

Fantasy

Anche se ciò, non le impediva di conoscere tutta la sua storia e chi meglio di Munidda, la tata che aveva incontrato quella mattina poteva aiutarla, e forse convincerla a dire tutto quello che sapeva?

Decise che sarebbe andata a farle visita ma di nascosto, senza che Totuccia e Assuntina lo venissero a sapere. Alcuni giorni dopo, le due sorelle decisero di andare a trovare la cugina Nardina che ancora non si era ripresa da una brutta caduta, sarebbero state fuori per svariate ore.

Prima di mettersi in viaggio raccomandarono a Rosalia: “ Attenta a la nica, nun a lassari sula, poi si veni qualcuno nun fari capì ri chi pi casa nun c’è nessuno, peri peri c’è laria gente.”

Rosalia le tranquilizzò dicendole: “ Jè possibili chi ancù ora mi prendete pi ‘ na nica, iti tranquille chi iu sacciu cù osa jè megghiu pi mia.”

Appena se ne andarono Rosalia svelta prese la piccola, se la legò addosso tramite un grembiule che possedeva delle asole che si abbottonavano sulle spalle e s’ incamminò verso il mulino.

Trovò la donna intenta a raccogliere delle erbe selvatiche, Rosalia pensò che sicuramente le servivano per preparare i suoi intrugli magici. Aveva l’ aspetto di una vera “ Majara” (maga), indossava una grande mantella nera che la copriva per intero, lasciando intravedere solo il viso rugoso e due occhi penetranti. Non appena si accorse della presenza di Rosalia, senza smettere di raccogliere quello che le serviva, le disse: ” Ti aspettavo, u sapevo chi sarrissi venuta a cercarmi, sunnu o nun sunnu ‘ na majara.”

La fissò con uno sguardo profondo che la fece rabbrividire, tanto è vero che Rosalia quasi si pentì di esserci andata.

Si fece forza e provocandola rispose: “ Allura si sapiti chi sarrì a venuta, sapiti puri cù osa vogghiu da vuatri.”

” Carma cu veni ca nun deve aviri fretta, e poi sta picciridda nun po’ stari fù ora, fa friddu, u sai chi sunnu stata ‘ na tata, quinni annumu pi casa.”

Lei la seguì dentro il vecchio mulino, all’ interno c’ era una grande confusione, cose di ogni tipo, oggetti che la donna raccattava di qua e di là portandoli in casa, per poi ammucchiarli nei vari angoli. Munidda la fece sedere su una panca, poi mise sul fuoco un tegame con dell’ acqua e vi buttò delle erbe dal profumo pungente. Rosalia aspettava con ansia che le dicesse qualcosa ma lei continuò nella sua preparazione, poi mise la bevanda bollente in un coccio e la porse a Rosalia che le rispose:

” Vi ringrazio ma haju u stù omacu chiuso…”

“ Cu pensi chi ti vogghiu avvelenare? Nun si accussì ‘ mportanti pi iri pi galera. Jè sulu malva, timo, rosmarino e ‘ n puntina ri passiflora… pi carmari i nervi.”

Udita la risposta Rosalia bevve l’ infuso, sperando di aver fatto la cosa giusta. La donna si sedette di fronte a lei e iniziò il suo racconto: “ To matri quannu venne a servizio dai signori era ancù ora nica e iu ero a tata du signorino Lenzu, praticamente sunnu crisciuti nzemi.

A Don Ugo piacevano assai i fimmine soprattutto i giovani, a mugghieri u sapeva ma facì eva finta ri nun sapiri. Quannu Totuccia divenne cchiù ranni u vì ecchiu si ni infatuò e mi diede u comando ri spiare tuttu chiddu chi facì eva, a guai si nun avissi fattu. Poi jè successu chiddu cu jè successu e i nichi si amarono. Iu u dissi a Don Ugo, ma mmeci ri ringraziarmi mi cacciò ri casa dicendo chi nun l’ avevo sorvegliati bastanti. Macari u signorino Don Lenzu mi odiò picchì avì a fattu a spia. Fui cacciata ri notti comu ‘ na lebbrosa ma giurai chi gliela avirrì a faciuta paari. Iddi pensavano ri essersi liberati ri me, ma quantu sbagliavano. Iu ero cu iddi jornu e notti comu l’ ombra arrì eri a porta.” Intanto la piccola Rosalia si era svegliata piangendo e lei interruppe il racconto.

La madre se la prese fra le braccia e la cullò dolcemente e per farla riaddormentare intonò una bellissima vecchia nenia siciliana: ” Ninna o ninna o… dormi e fa la vovò, ninna o ninna o… dormi e fa la vovò, Rosalia chianci chianci vola l’ anaca in mezzu l’ aranci, Rosalia arridi arridi voli l’ anaca in mezzu l’ ulivi. Ninna o ninna o… dormi e fa la vovò. Ninna o ninna o… dormi e fa la vovò, dormi dormi Rosalia figliuzza mo quanto si bedda, si Rosalia nun voli dormiri, vastunatiddi certu avi aviri. Ninna o ninna o… dormi e fa la vovò, ninna o ninna o… dormi e fa la vovò...”

Alla fine la figlia si addormentò e così la tata riprese a narrare:

” Nta vì ecchiu maniero c’ erano di li stanze segrete unni u barone, portava i braccianti chi u disubbidivano pi minacciarli a furia ri vastunati. Ma ormai eranu anni chi nun succedeva cchiù, picchì i contadini si ribellarono e Don Ugo dovette calari a tì esta. Quinni iu mi sistemai dà sutta, ma tutte i vù oti chi potevo, salivo supra e vedevo ogni cù osa. E vitti tuttu chiddu chi u vì ecchiu facì eva a to matri, allura ‘ na notti decisi chi era u momentu chi fimmina Mena u scoprisse. U barone e a baronessa dormivano pi camere separate, era statu iddu a vuliri chistu, picchì accussì poteva fari u pù orcu. Mi infilai nta cunicolo strittu chi portava a li stanze ri supra e quannu fui avanti a la cà mira di la signura, vi liberai rintra a mo jatta Nerina. A baronessa odiava l’ animali pi casa e soprattutto i jatti. Diceva chi eranu i messaggeri du diavolo. Quannu Nerina salì supra u so lì ettu a fici arruspigghiari, successe a fini du munnu, a signora si mise a gridare comu ‘ na pazza e inseguì a jatta con l’ attizzatoio, iu svelta aprì a cà mira ri Totuccia e a gatta ci entrò, accussì chi foru scoperti da fimmina Mena. Chidda vù ota a baronessa nun chiuse l’ù occhi, ma cacciò to matri e giurò ri vendicarsi cu u maritu.”

Rosalia ascoltava con interesse la storia e una certa inquietudine la pervase, come se ancora dovesse scoprire altre cose e non belle.

Improvvisamente Munidda le disse: ” Uora te ni devi iri, a storia jè longa e to matri e to zia sunnu già tornate.”

Rosalia le rispose: ” E vuatri comu fate a saperlo?.”

Munidda parlò con voce lapidaria: ” Iu sugnu comu l’ aria pi celu e pi terra, nenti mi po’ fuirisinni.”

Quella donna era inquietante, c’ era un non so che di misterioso nel suo modo di fare e soprattutto su quello che diceva. Non tentò nemmeno di ribattere, avrebbe voluto conoscere tutto il seguito ma intimorita disse: ” Va beni me ni vaiu ma pozzu turnari ‘ n à utru jornu pi sapiri? “

” Si ma tu dicu iu quannu po’ vì eniri.”

Si era fatto molto tardi, l’ incontro si era protratto più del dovuto, e se era vero che Assuntina e Totuccia erano rientrate a casa, cosa gli avrebbe detto? Allungò il passo sperando che Munidda si fosse sbagliata, come se non bastasse, dei grossi nuvoloni si addensarono coprendo tutto il cielo e non promettendo nulla di buono. Difatti l’ acqua venne giù precipitosamente, formando delle grandi pozzanghere di fango, Rosalia teneva stretta la figlia cercando di coprirla nel miglior modo possibile ma ciò non bastava per non farla bagnare. La sua mantella era inzuppata d’ acqua e i suoi capelli le si appiccicarono sulla fronte. Doveva trovare riparo almeno fino a quando non smettesse di piovere. Purtroppo l’ unica abitazione vicina era proprio quella di Don Vincenzo, ma non sarebbe andata lì nemmeno se moriva annegata, tuttavia doveva mettere da parte il suo orogoglio, aveva la sua bambina con sé. Mentre rifletteva su cosa fare, sentì un rumore di zoccoli avvicinarsi e apparve nuovamente Don Vincenzo a cavallo di un destriero nero, le si avvicinò dicendole: “ Ma aviti pirdutu a tì esta? Nì esciri cu staiu tiempu cu ‘ na criatura? Venite cu me chi vi accompagno cu u carro.”

A malincuore salì sul cavallo con Don Vincenzo che la portò al maniero, per prendere il carro sostato davanti al casolare, appena arrivati, due servitori gli aprirono il cancello e li fecero entrare. Rosalia mai avrebbe potuto immaginare di essere lì ed in compagnia con chi dicevano essere suo padre.

Don Vincenzo le disse di avvicinarsi al camino per asciugarsi e tenere al caldo la piccola ma lei rispose:

“ Mi aviti rittu chi mi avirrì avu accompagnare cu u carro e allura quannu annamu, nun sunnu cca pi ‘ na visita.”

Il barone la guardò sorridendo, le sembrava di parlare con Totuccia anche se lei aveva un carattere molto più forte. Rosalia si arrabbiò molto vedendo il sorriso del barone e gli lanciò parole amare: “ Nzoccu c’è da rì riri? Vi sembro ‘ na marionetta?”

Lui divenne serio all’ improvviso e deluso per la sua risposta, strinse la mascella com’ era suo solito quando era indispettito: “ Vuatri nun mi conoscete ma criu chi nun sapiti cù osa sunnu i bone manera.” Così dicendo si allontanò. Lo sentì che chiamava a qualcuno: “ Tano prepara u carro chiddu commigghiatu.”

Erano seduti uno accanto all’ altro, in silenzio, ciascuno perso nei propri pensieri. Tutte e due erano all’ oscuro che l’ altro sapesse la verità, Rosalia teneva sua figlia sulle gambe e cercava di non pensare che quell’ uomo era suo padre e quindi anche il nonno della sua bambina. Lo osservava di nascosto, notò che era ancora un uomo abbastanza giovane e piacente, infatti quando l’ avevano generata i suoi genitori erano due ragazzi di appena diciasette anni. Arrivarono alla cascina che aveva smesso di piovere, si fece lasciare un po’ prima del viale di casa, quando Don Vincenzo inaspettatamente le chiese: ” Vi prego ri ‘ na cù osa nun diciti nenti a li vostru zie chi vi haju accompagnato iu, picchì i nostre famiglie pi passatu hannu avutu chi diri.” Rosalia gli domandò: “ E nzoccu si sunnu dovuti spartire? Piccioli?”

Il barone non rispose girò il carro e s’ avviò lungo la strada.

Rosalia arrivò davanti alla porta, sperando che non ci fosse nessuno, ma si sbagliava, Totuccia l’ aspettava guardando dalla finestra preoccupata al pensiero che la figlia non era in casa, con quel tempo e per di più con la piccolina. Diceva fra sè: “ Unni si Rusalia, figghia mo, tu mi porterai o camposanto.”

Oltretutto aveva intravisto da lontano, fra i rami secchi degli alberi, qualcuno che si era fermato davanti al cancello con un carro e poi la figlia che stava tornando.

Le aprì la porta e guardandola con rabbia le chiese: “ Cu era chiddu cu u carro?”

Rosalia non si aspettava che l’ avesse vista quindi adesso doveva dirle l’ ennesima bugia: ” E cu era? Cu era? Sciabè… Jè scoppiata u mali tiempu e haju pigliatu u carru pi turnari a casa.”

Totuccia le chiese: “ E unni si andata cu a picciridda?”

Rosalia disse la prima cosa che le venne in mente:

” Mi sunnu scordata chi avì a prommisu a Don Anselmo chi avirrì a portato mo figghia pi cresia pi ‘ na benedizione.” Totuccia almeno all’ apparenza sembrò crederle e Rosalia tirò un sospiro di sollievo, anche quella volta era riuscita a cavarsela. Poi chiese della cugina Nardina per cambiare discorso, ma non riuscì nel suo intento perché la zia Assuntina le chiese: “ Jè accussì si andata pi cresia? Jè stranu picchì avemu visto Don Anselmo chi era andato a rari l’ olio santu a la povera comari Pippina chi jè moribonda.”

Rosalia fece la risentita, il tipico comportamento di chi ha la coda di paglia: ” Cu mi fate l’ interrogatorio? Tutte chiste domande, ma nun vi fidate cchiù ri me? Vi haju già rittu unni sunnu stata e ù ora haju canciari a picciridda e puri iu chi semu tutte vagnate.”

Uscendo dalla stanza, udì le due sorelle che dicevano: “ Rusalia ci avi rittu ‘ n saccu ri bugie, haju paura chi si stia pi mittiri un’ altra vù ota nta guà ji, cam’ a fari? Stari arrì eri pi vidiri chiddu chi sta pi cumminari…


Anna Rossi 09/02/2021 18:02 1 351

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Nota dell'autore:
«Un attento lettore mi ha fatto notare di aver saltato un episodio... il 14
Chiedo scusa a chi sta seguendo la trama con interesse...
»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Adesso è tutto più chiaro... finalmente la povera Rosalia, giovane donna coraggiosa e ricca di iniziativa, cominciava a capire tante cose... la maga (la tata che accudiva a suo tempo il giovane barone don Vincenzo) entra da protagonista in questo episodio e comincia a svelare le tante verità che fino ad oggi sono state tenute nascoste da tutti i protagonisti... verità tenute nascoste a Rosalia...
Questa storia continua con altri segreti svelati ed altri ancora da svelare... Stupendo romanzo»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:













Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Vicini vicini... lontani lontani
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Storia di paese (L’ombra della magia nera) 34 Episodio
Storia di paese (La rivelazione sconvolgente) 33 Episodio
Storia di paese (La fuga) 32 episodio
Storia di paese (Un piano diabolico) 31 Episodio
Storia di paese (Antonino Privitera) 30 Episodio
Storia di paese (L’amaro risveglio) 29 episodio
Storia di paese (Follia) 28 episodio
Storia di paese (La sconvolgente confessione) 27 episodio
Storia di paese (Una visita inaspettata) 26 episodio
Storia di paese (La marchesa) 25 episodio
Storia di paese (La serpe in seno) 24 episodio
Storia di paese (L’incendio) 23 episodio
Storia di paese (La vita spezzata) 22 episodio
Storia di paese (Un brutale assassinio) 21 episodio
Storia di paese (Una scelta sofferta) 20 Episodio
Storia di paese (La proposta) 19 episodio
Storia di paese (Una brutta sorpresa) 18 Episodio
Storia di paese (La frana) 17 Episodio
Storia di paese (Saro e Bruno) 16 episodio
Storia di paese (La tata) 14 Episodio
Storia di paese (L’imprevisto) 15 Episodio
Storia di paese (La verità) 13 EPISODIO
Storia di paese (U barone) 12 EPISODIO
Storia di paese (La ribellione) 11 episodio
Storia di paese (Un brutto incontro) 10 episodio
Storia di paese (Il ritorno) 9 episodio
Storia di paese (L’abbraccio) 8 episodio
Storia di paese (Il muro) 7 episodio
Storia di paese (La Speranza)
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Vicini vicini... lontani lontani
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Storia di paese (L’ombra della magia nera) 34 Episodio
Storia di paese (La rivelazione sconvolgente) 33 Episodio
Storia di paese (La fuga) 32 episodio
Storia di paese (Un piano diabolico) 31 Episodio
Storia di paese (Antonino Privitera) 30 Episodio
Storia di paese (L’amaro risveglio) 29 episodio
Storia di paese (Follia) 28 episodio
Storia di paese (La sconvolgente confessione) 27 episodio
Storia di paese (Una visita inaspettata) 26 episodio
Storia di paese (La marchesa) 25 episodio
Storia di paese (La serpe in seno) 24 episodio
Storia di paese (L’incendio) 23 episodio
Storia di paese (La vita spezzata) 22 episodio
Storia di paese (Un brutale assassinio) 21 episodio
Storia di paese (Una scelta sofferta) 20 Episodio
Storia di paese (La proposta) 19 episodio
Storia di paese (Una brutta sorpresa) 18 Episodio
Storia di paese (La frana) 17 Episodio
Storia di paese (Saro e Bruno) 16 episodio
Storia di paese (La tata) 14 Episodio
Storia di paese (L’imprevisto) 15 Episodio
Storia di paese (La verità) 13 EPISODIO
Storia di paese (U barone) 12 EPISODIO
Storia di paese (La ribellione) 11 episodio
Storia di paese (Un brutto incontro) 10 episodio
Storia di paese (Il ritorno) 9 episodio
Storia di paese (L’abbraccio) 8 episodio
Storia di paese (Il muro) 7 episodio
Storia di paese (La Speranza)
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2021 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it