3498 visitatori in 24 ore
 208 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Anima folle (13/08/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5026 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 548 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Un cuore per due

Amore

Denise uscì dalla stanza senza volgere un solo sguardo a quella mamma, che non riusciva a capire quanto fosse importante per lei ritrovare gli affetti che aveva perso lungo la strada. Non amava disubbidirle, tuttavia in quella circostanza, non ne poteva fare a meno…

Mary inseguì la figlia fino al portone, intimandola di non uscire, la rabbia aveva preso il sopravvento e le lacrime sgorgavano su quel viso intristito e incattivito da vecchi rancori ed asti, perdurati nel tempo.

Rientrò in casa lasciandosi cadere sulla vecchia poltrona, lì vicino al camino. Guardava le lingue di fuoco che sembravano parlare al suo cuore in tumulto e la mente ritornò indietro… Rivide quel giorno in cui aveva confessato alla madre di aspettare un bambino, le urla riecheggiavano ancora nelle sue orecchie. Era stata categorica e senza mezzi termini le aveva detto che avrebbe dovuto disfarsi della creatura.

Mary guardava la madre come se la vedesse per la prima volta. Incredula che quelle parole fossero uscite veramente dalla bocca della persona che amava di più al mondo e da cui aveva ricevuto tanto amore. Sentiva un dolore acuto ed ogni volta che ci pensava, diventava sempre più grande. La madre le disse: “ O te ne liberi o ti caccio di casa.”

Mary scelse la seconda. Era ancora troppo giovane per potersi fare carico di tutto, così si rivolse ad una casa famiglia per ragazze madri e lì, portò a termine la sua gravidanza. Fu così che in un bellissimo giorno di primavera, nacque una meravigliosa bambina, dalle guance rosee e dagli occhioni verdi, Denise.

La madre non la cercò più, anche se Mary in seguito aveva provato a contattarla, ma questa aveva cambiato casa e città. Si vociferava che fosse per la vergogna per quella figlia snaturata ed incosciente. Mary aveva cresciuto la bimba da sola, fino a quando nella sua vita le apparve un amore inaspettato. Mattia era stato un marito perfetto ed un padre amorevole, amò quella bimba come se fosse stata sua. Poi un terribile giorno se n’ era andato per sempre, stroncato da un infarto improvviso, lasciando nelle due donne un grande vuoto.

Mary e Denise, rimaste nuovamente sole si erano avvicinate ancora di più ed insieme avevano affrontato quel terribile lutto. Poi un giorno, mentre Mary stava preparando il pranzo, Denise tornò dall’ Università con un gran sorriso. La madre si incuriosì, Denise di solito aveva sempre l’ aria imbronciata ed insoddisfatta, invece, dopo un po’ entrò in cucina dicendole: “ Ciao mammina, cosa hai preparato? Ho una fame da lupi.” E si avvicinò dandole un bacio sulla guancia. Mary le lanciò un’ occhiata alla figlia e le domandò: “ Ehi cos’è tutta questa euforia? Cosa ti è successo di bello?”

Denise conosceva molto bene la storia ed aveva timore di dirle la verità, ma era troppo importante per poterla tenere segreta, così le disse a bruciapelo: “ Ho visto la nonna!” Mary fece cadere il piatto di spaghetti che aveva in mano e con voce stridula, che sembrava non le appartenesse ed urlò: ” Chi hai visto?”

La figlia impaurita dalla reazione della madre farfugliò: ” La nonna… ho incontrato la nonna… sai è venuta a cercarmi all’ Università… mamma mi ha fatto tanta tenerezza, così sola e…”

“ Basta così!” Ripeté Mary:

” Come ti permetti di chiamarla nonna, quella lì non è mai esistita per te, per me… per noi… ti proibisco di rivederla, hai capito? Non la devi mai più nominare, per me è come se fosse morta come lo siamo state noi per tutti questi anni”.

Infine fuori di sé aggiunse: ” Guai a te se…”

Un forte capogiro la interruppe facendola quasi svenire. La figlia prontamente la soccorse spaventata:

” Mamma, mamma, ti prego rispondimi, farò come dici tu.”

Dopo un po’ si riprese e si ritornò subito alla normalità. Passarono alcuni giorni e Denise non mantenne la promessa data alla mamma, anzi, quando poteva scappava dalla nonna che era malata e bisognosa di cure ed attenzioni e lo faceva cercando di nasconderglielo. Purtroppo non riuscì nel suo intento, infatti, il destino volle che una mattina Mary decise di andare a prendere Denise all’ Università, per pranzare fuori, era da tempo che non lo facevano più. Così, mentre con l’ auto girava l’ angolo di un incrocio, vide quello che non avrebbe mai voluto vedere. Denise saliva su una vettura con alla guida una vecchia signora, il suo cuore per un istante smise di battere e fece fatica a mantenere la guida attenta e per poco non andò a sbattere contro un segnale stradale.

Risentita per il comportamento della figlia decise di seguire l’ auto, che dopo tre isolati giunse nella zona residenziale della città e si fermarono davanti ad una graziosa villetta con tanto di giardino e fiori. Denise sorrideva felice all’ anziana nonna e la guardava con trasporto. Mary si sentì tradita e si fermò in disparte e pianse di rabbia tutte le sue lacrime.

Decise di andar via ed una volta a casa, aspettò il rientro della figlia e quando questa rientrò l’ aggredì con parole che non avrebbe mai voluto pronunciare, purtroppo, quelle parole così gravi, invece di dissuadere Denise a non incontrare più la nonna, ebbero l’ effetto contrario.

Ecco perché quel giorno, nonostante lei aveva cercato di dissuadere la figlia, lei uscì senza guardarla in faccia. Mentre Mary era sopra pensiero per quello che era successo, fu distolta dal suono del campanello della porta, credette che forse la figlia era ritornata sui suoi passi, ma si trovò davanti una sorpresa inaspettata, era la persona, che per tutti quegli anni aveva odiato, quella donna che l’ aveva abbandonata nel momento di maggior bisogno. Per un istante e d’ impulso, aveva pensato di chiuderle la porta in faccia cacciandola via, ma quegli occhi così diversi, dall’ ultima volta che li aveva visti, la sconvolsero, il suo sguardo aveva perso l’ arroganza e la superbia ed era terribilmente triste.

Mary si riprese dall’ emozione così forte dicendole: ” Cosa ci fai qui? Potevi risparmiarti questa visita.”

Nunzia pronunciò una parola che Mary non si sarebbe mai aspettata: ” Perdonami, ti chiedo solo perdono, so che non potrai dimenticare tutto il male che ti ho fatto, ma non si può tornare indietro per rimediare. Lasciami per i pochi mesi che mi restano da vivere, di far parte della tua vita, della vostra vita.”

Mary a quel punto invece di lasciarsi impietosire le urlò con livore: ” E’ per questo che sei tornata per lavarti la coscienza prima di morire… ti sbagli non abbiamo più bisogno di te, puoi morire come un cane.”

La mamma la guardò senza astio e mormorò: ” E’ colpa mia se sei diventata la persona cattiva che sei.”

Poi si girò ed uscì di casa.

Mary si sentiva svuotata, quelle ultime parole l’ avevano ferita ancor di più. Da quel momento cercò di riprendere la vita di sempre, ma l’ immagine della mamma sull’ uscio di casa la tormentava e le faceva perdere il sonno ed inoltre, i rapporti con Denise si stavano deteriorando sempre di più. Mary non comprendeva come la figlia preferisse quella donna a lei e si sentiva sempre più sola.

Poi una notte fu svegliata di soprassalto dallo squillo del telefono di casa e dall’ altra parte della cornetta una voce sconosciuta le chiese: ” Lei è la signora Mary? Purtroppo la dobbiamo informare che sua figlia Denise ha avuto un incidente era in compagnia della nonna, sua figlia sta bene solo qualche graffio ma sua madre è molto grave.”

Mary rispose: ” Chi è lei?... Ma adesso dove sono?” L’ uomo le disse che avevano portato le due donne all’ ospedale più vicino…

Mary lasciò cadere il telefono e si precipitò al pronto soccorso, quasi non percepiva nemmeno le voci intorno, il suo unico desiderio era quello di riabbracciare la figlia ed invece si sorprese a pensare anche alla mamma. No, non poteva morire prima di averle parlato, non poteva farle questo… non lo avrebbe permesso. Sconvolta, chiese all’ infermiera di turno dove fossero le persone coinvolte nell’ incidente, quando vide la figlia venirle incontro piangendo: ” Mamma, mamma scusami, ero con la nonna la stavo accompagnando proprio in ospedale quando un’ auto non ha rispettato lo stop e ci ha investito in pieno, è stato terribile, la nonna è gravissima, sai mamma io le voglio bene e tu non puoi impedirmelo. Lei le pose la mano sulla bocca e la zittì e le disse: ” Portami da lei!”

Nunzia era stesa su un lettino con il viso insanguinato ed i dottori le stavano prestando le prime cure. Mary chiese ai medici di poter parlare con lei anche solo per pochi secondi perché era troppo importante. I medici acconsentirono, lei si avvicinò e pronunciò quella parola che non aveva mai più usato: ” Mamma, apri gli occhi ti supplico… sono io Mary, ti prego solo un’ istante, non lasciarmi un’ altra volta…”

Nunzia aprì gli occhi per un istante e con un filo di voce sussurrò: ” Grazie per essere venuta!” E con un debolissimo anelito spirò.


Anna Rossi 14/02/2016 17:24 380

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it