3496 visitatori in 24 ore
 217 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Anima folle (13/08/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5026 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 548 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Palla di lardo

Sociale e Cronaca

Sentiva la voce della mamma che dal piano di sotto, insistentemente la chiamava: ” Fatima, vuoi alzarti che è tardi? Possibile che ogni mattina, è sempre la stessa storia?”
Lei si raggomitolava nel letto e con il cuscino si ricopriva le orecchie.
Non voleva andare a scuola, anzi, non voleva più andarci.
Terry perse la pazienza, salì al piano superiore ed entrando come una furia nella stanza della figlia la strattonò fuori dal letto!
Fatima urlò: ” Non mi sento bene, oggi non voglio andare a scuola!”
Terry, paonazza dalla rabbia, visto che questa era ormai diventata la solita storia, imprecò: ” Ti ho detto di alzarti, non voglio più ripeterlo.”
Fatima dovette rassegnarsi e con il muso lungo, cominciò il calvario del vestirsi… si guardò allo specchio, e quello che vedeva riflesso, non le piaceva, lei non si piaceva, non si trovava in quel corpo senza forme, in quel viso grosso pieno d’ acne e le lenti spesse degli occhiali.
Era proprio spaventosa, o almeno, così lei credeva. Aprì l’ armadio e cominciò a rovistare fra gli abiti:
” Questo no, quell'altro nemmeno, questo qui nemmeno a pensarci.” Ed intanto li sparpagliò sul letto disfatto.
Poi come sempre, scelse un maglione largo ed un paio di jeans taglia 52.
Il maglione almeno, la copriva interamente, senza far risaltare le sue forme.
Scese in cucina, dove l’ aspettavano già, i suoi due fratelli e la mamma, sempre più nera in viso.
Per isolarsi da loro, si calò sulle orecchie le cuffie dell’ iPod ed iniziò la colazione, divorò due croissant con nutella, poi alcune fette biscottate con la marmellata di mirtilli, di cui era particolarmente golosa.
Finalmente uscì di casa e si incamminò verso la scuola. Questa distava da casa circa 1 km e durante il percorso, nella sua testa, risuonavano ossessivamente le parole che ogni giorno, le ripetevano i suoi compagni di classe:
Ehi palla di lardo, sei arrivata? Ma ci stai nella sedia? Dovremmo chiedere alla Preside di allargare l’ ingresso, tanto tra poco non ci passerai più!” Arrivata davanti al portone, per fortuna, suonò la campanella, così le fu evitato di stare nel cortile con tutti quei ragazzi e ragazze che a lei sembravano così perfetti.
Corpi sinuosi, jeans attillati, magliette super aderenti e soprattutto, ragazze spensierate e felici di scherzare in gruppo. Lei invece, non aveva amici, solo con una compagna di classe, Vanessa, aveva allacciato una debole amicizia.
Entrarono in classe e tutti presero il loro posto, il suo era in fondo alla classe, un banco vicino alla finestra, da cui si vedeva il mare e lei ogni tanto si perdeva con la fantasia ed immaginava di essere nell'acqua salata e di sentire lambire il suo corpo dal dolce movimento delle onde.
Era quasi nascosta dalla vista della professoressa d’ italiano, la quale, come sempre, la richiamava di spostarsi in avanti, perché non riusciva nemmeno a vederla.
Gli altri sghignazzavano e la guardavano con derisione. Lei, allora, si sentiva ancora più inutile ed impacciata.
Al momento della ricreazione tutti si riunivano in gruppi per chiacchierare e ridere, mentre Fatima, come al solito, si mise da parte a mangiare il suo panino, ad un tratto, si avvicinò il bullo della classe dicendole: ” Fatima, non ti sembra un po’ piccolo questo panino? Se vuoi ti posso comprare un sfilatino da 1 chilo.”
A questa ennesima sgradevole battuta, tutti gli altri scoppiarono a ridere e dalle semplici parole, passarono velocemente ai dispetti; cominciarono ad attaccare biglietti offensivi sul suo banco e misero della colla sulla sua sedia e poi, come se non bastasse, a nasconderle tutte le sue cose.
Lei a fatica, mandava giù le lacrime, per non piangere davanti a loro e quando finalmente finì la lezione, scappò letteralmente fuori. Sentiva gli occhi bruciare dal pianto ed aveva voglia di sparire per sempre.
Non sapeva con chi parlare di quello che le stava succedendo, non voleva dirlo alla sua famiglia. Parlare del suo grande disagio la faceva sentire ancora più fragile.
Mentre ritornava a casa, vedeva le altre persone che la guardavano con commiserazione e lei, avrebbe voluto sprofondare.
Dopo un po’, finalmente, arrivò a casa, la mamma a quell'ora si trovava al lavoro, faceva la commessa in un grande magazzino ed i suoi fratelli erano ancora a scuola.
Fatima si chiuse alle spalle la porta, chiudendovi fuori anche il mondo che la disprezzava, quel mondo che la rifiutava, perché non era perfetta o meglio, non aveva i canoni della bellezza che conta.
Adesso poteva dare sfogo alla sua rabbia e pianse fin quando, i suoi occhi diventarono gonfi e rossi. Stranamente, non aveva appetito, salì in camera e si mise la cuffia ascoltando della musica dal suo iPod.
Si richiuse nel suo fantastico mondo, pieno di sogni e d’ amore. Già l’ amore…. perché in questo quadro, già disastroso di suo, al centro dei suoi pensieri, c’ era un amore impossibile, verso il ragazzo più bello della scuola, si chiamava Goffredo.
Era semplicemente fantastico, fisico d’ atleta, due occhi penetranti, un sorriso dolcissimo e tanto per cambiare, circondato dalle ragazze più belle del liceo.
Così da quel giorno, inconsapevolmente, scattò nella sua mente il rifiuto per il cibo; iniziò anche un’ attività fisica: LA CORSA!
Tutti i giorni andava sul lungo mare e cominciava a correre; i primi tempi, furono più duri, in quanto non era allenata, ma poi, con il passar dei giorni divenne molto più veloce, e non si accontentava mai, del traguardo che si era prefissata, andava sempre più lontano, macinando chilometri su chilometri.
La mamma, si accorse di questo cambiamento e soprattutto del fatto, che a tavola mangiava poco. Spesso saltava il pranzo, mentre altre volte, dopo aver mangiato, inevitabilmente, scappava in bagno e da fuori, sentiva il rubinetto dell’ acqua aperta. Incominciò ad insospettirsi e decise di scoprire, il perché andava a chiudersi in bagno, subito dopo pranzo.
Quello che scoprì la mandò letteralmente in pallone, la figlia si provocava il vomito; da ciò dedusse che Fatima, aveva un grosso problema.
Terry affrontò la figlia con dolcezza dicendole: ” Fatima, se hai qualche problema che ti fa stare male, dimmelo, io ci sono e ci sarò sempre.”
Lei scuotendo il capo rispondeva: ” Tranquilla Mami, è tutto apposto.”
Passarono i giorni e si andava sempre peggio, la vedeva smagrita fino all'inverosimile e poi, quella sua ossessione per la corsa, diventava ogni giorno più prepotente.
Inoltre, cominciava a nascondere il cibo per non mangiarlo, lo buttava nella spazzatura, oppure, lo dava al gatto.
A scuola, l’ atteggiamento dei suoi compagni era cambiato, con quel fisico quasi trasparente, la guardavano in modo diverso.
Tolti gli occhiali, iniziò ad usare le lenti a contatto ed anche il suo abbigliamento, era decisamente cambiato, poteva permettersi quello che aveva sempre desiderato: magliette aderenti, jeans super attillati ed abitini corti che mettevano in risalto le sue lunghissime gambe.
Cominciò anche a truccarsi in modo pesante ed al suo passaggio, riceveva gli sguardi ammirati dei ragazzi e questo la rendeva felice.
Fra questi, anche Goffredo la guardava in modo diverso, fino a quel giorno, mentre era in classe, sentì il mondo girare e cadde svenuta per terra.
Quando rinvenne, tutti i suoi compagni le erano intorno, cercando di soccorrerla. Chiamarono la mamma, e questa, fu trattenuta in presidenza dai professori di Fatima, volevano sapere cosa stesse succedendo alla ragazza.
Tutti convennero che Fatima, era diventata anoressica ed aveva urgentemente bisogno d’ aiuto: dalle cure mediche per il suo fisico debilitato, al supporto psicologico, per cercare di capire le cause della sua malattia.
Terry si sentì più sola che mai, si accorse di essere stata poco presente, nella vita dei figli: lavorava, li accudiva, ma si era veramente mai interessata di loro?
Dei loro sogni, pensieri, paure, difficoltà.
Da quando il marito, l’ aveva abbandonata per una ragazza più giovane lei, si era incupita e soprattutto indurita nei sentimenti.
Si, aveva mandato avanti la famiglia, ma non bastava non farle mancare nulla; loro avevano bisogno d’ amore, di un bacio e di una carezza.
Si sentiva morire dentro, aveva una grande paura per Fatima, paura di non riuscire ad aiutarla. Cominciò insieme a lei, il lungo calvario della rinascita; oltre alle sedute in comune, che fecero dalla psicologa, Fatima venne ricoverata in una clinica specializzata, dove a poco a poco, briciola su briciola, riuscì a mangiucchiare sempre di più.
Il suo fisico cominciava a reagire, mentre la sua testa, aveva bisogno di più tempo; dai colloqui era scaturito, che l’ abbandono del padre, le aveva provocato i disturbi alimentari; dapprima la bulimia e successivamente l’ anoressia.
Adesso, c’ era bisogno di farle ritrovare la fiducia, ma soprattutto, acquisire la stima per sé ed imparare a volersi bene.
Dopo molti mesi, finalmente, si intravide la luce in fondo al tunnel e lei, guardandosi nuovamente allo specchio cominciava a piacersi, non si vedeva più con gli occhi della disperazione.
Lei non era solo corpo, ma soprattutto anima, gli altri, dovevano accettarla per ciò che era dentro e non per quello che appariva.
Divenne più forte nei rapporti con gli altri, facendosi rispettare e nello stesso tempo amare. Adesso guardava Goffredo, non più da innamorata, ma lo vedeva come un ragazzo superficiale a cui interessava solo il lato fisico, ma a lei questo non bastava.
Una mattina, mentre si recava a scuola, incontrò Paolo il ragazzo più timido della classe, il quale le propose di accompagnarla, lei lo guardò sorpresa e con occhi diversi, le parve il ragazzo più bello del mondo.
Da quel giorno diventarono inseparabili, e quando in riva al mare, lui la guardò con dolcezza e le posò le labbra sulle sue, il mondo scomparve in un attimo.
Sentiva le farfalle nella pancia ed il suo cuore, sciogliersi in un cantico d’ amore.

Anna Rossi 29/05/2015 13:33 1 947

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Un lieto fine (che spesso, nella realtà non c'è) per una vicenda dolorosa, attuale, molto comune.
Ormai viviamo in un mondo d'apparenza, dove l'anima, il cuore sembrano non contare nulla, soprattutto per una ragazza che si affaccia con timore alla vita.
Scritto avvincente, anche se forse trattato un po' troppo semplicisticamente e per luoghi comuni, ma cmq rende l'idea.»
Elena Poldan

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it