3495 visitatori in 24 ore
 195 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Anima folle (13/08/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5026 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 548 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Non piacersi più

Amore

“ Giulia complimenti! E’ bellissima!” Tania guardava l’ amica estasiata che aveva appena dato alla luce una stupenda bambina. Accarezzava dolcemente la manina vellutata della neonata ed intanto continuava a mitragliare parole una dopo l’ altra. Giulia l’ ascoltava assente, era spossata dal parto difficile e soprattutto si sentiva proiettata in una realtà completamente diversa da prima.

Era diventata mamma, una stranissima sensazione, si sentiva responsabile di quel piccolo esserino venuto al mondo e desideroso di tante cure. Tuttavia, invece di essere felice, si sentiva svuotata dal proprio io.

Aveva tanto desiderato un figlio, ma in quel momento, diventando mamma, si ritrovava in un nuovo ruolo, avvertendo un certo disagio e sentendosi non adeguata, e sufficientemente preparata ad occuparsene. Le lacrime, inevitabilmente, cominciarono a sgorgare sul cuscino, l’ amica la guardò chiedendole: ” Giulia, ma che ti succede? Non ti senti bene?”

Lei, goffamente si asciugò gli occhi con le mani e rispose abbozzando un sorriso: ” Sto bene Tania, sai come si chiama? Depressione post- partum… ho soltanto un po’ di malinconia, tutto qua, normale… fra qualche giorno mi passerà.” Invece quello che sembrava essere un malessere passeggero, si protrasse per giorni. Una volta uscita dalla clinica, la situazione peggiorò.

Il marito Alberto riprese a lavorare e lei restò da sola a casa con la bimba. Il suo umore era sempre più sofferente, non si riconosceva nella sua figura leggermente appesantita, in realtà aveva preso solo qualche chilo, ma nella sua mente si vedeva enorme, obesa. Alberto arrivava la sera e per quanto gli era possibile, cercava di starle vicino, anche se il loro rapporto, con l’ arrivo della bambina era lentamente cambiato. Infatti, appena a letto, lui si girava dall’ altra parte e con una semplice buonanotte si metteva a dormire, lasciando che Giulia si occupasse di Rosellina, la quale si svegliava strillando tutte le notti.

Lei era sempre più sola e la sua insoddisfazione sempre più grande. Un pensiero la tormentava, credeva che Alberto non la desiderasse più, perché si era appesantita e le era rimasta un po’ di pancia. Mettendosi di profilo davanti allo specchio, si osservava con aria critica e scoppiava in un pianto irrefrenabile. Una sera, aspettando l’ arrivo di Alberto, si era affacciata alla finestra e guardando nervosamente l’ orologio, si accorse che il marito stava facendo più tardi del solito.

Dopo qualche minuto, vide giungere sotto casa, l’ auto di Alberto ma non era solo, infatti, scese dalla macchina una donna, che si diresse velocemente verso un’ auto parcheggiata lì vicino. Riconobbe immediatamente la sua amica Tania e non riuscì a comprendere come mai fosse insieme al marito. In quell’ istante Alberto alzò gli occhi verso la finestra e lei si ritrasse immediatamente per non farsi vedere, ma ciò non impedì ad Alberto di intravedere la sua ombra che rientrava.

Appena in casa, Giulia gli chiese come mai avesse fatto tardi e lui buttò lì la prima scusa che gli venne in mente: ” All’ ultimo momento è arrivato un cliente e non potevamo mandarlo via…” E poi, mettendosi sulle difensive l’ aggredì: ” Cos’è un interrogatorio?” Giulia stava lì per lì per piangere ma si trattenne chiedendo: ” Perché Tania era con te?” Lui evitò d’ incontrare il suo sguardo e rispose seccato: ” L’ ho incontrata sotto casa e mi ha chiesto uno strappo con l’ auto perché la sua aveva dei problemi.”

Giulia fece finta di credergli, amava molto il marito e non voleva perderlo, così in quel momento, pensando che la colpa dell’ allontanamento di Alberto era dovuto al suo aspetto fisico, decise di dimagrire. Iniziò una dieta “ fai da te”, ma dopo alcuni mesi, nonostante avesse eliminato quasi tutto: carboidrati, grassi, dolci, non ottenne risultati; mangiucchiava verdure lessate, insalatine e frutta ma la sua pancia non diminuiva. Così, vedendo il marito sempre più scostante e convincendosi che la colpa fosse sua, prese una decisione drastica, si sarebbe sottoposta ad un intervento di liposuzione.

Contattò un’ amica che aveva già fatto questo tipo di intervento, la quale le consigliò una clinica privata molto rinomata in chirurgia estetica. Fece tutto da sola, il marito non si accorse di nulla. Prese appuntamento con il chirurgo che avrebbe dovuto operarla, il quale, appena vide la donna, notò una persona ansiosa che sicuramente aveva dei problemi ma non dipendevano dal suo fisico, infatti, quando le chiese il tipo d’ intervento a cui voleva sottoporsi, restò per un attimo basito e le disse senza mezzi termini: ” Ma lei si è vista bene? E’ praticamente sottopeso, quello che lei chiama pancia è soltanto un rilassamento dei tessuti dovuto alla gravidanza, non c’è bisogno di liposuzione ma con gli esercizi adatti può tonificare benissimo il suo ventre. Dia retta a me, non c’è nulla da togliere.”

Ma Giulia, caparbiamente ostinata nel suo intento, insistette dicendo che se non l’ avrebbe operata lui si sarebbe rivolta ad un altro medico. Inoltre, gli confidò del suo disagio a farsi vedere nuda dal marito e della sua insicurezza come donna; non si piaceva più.

Il dottore vista la testardaggine della donna e la sua determinazione, accettò, puntualizzando che avrebbe soltanto cercato di rimodellare la pancia. Arrivò il giorno stabilito, e con una certa apprensione, perché era la prima volta che si allontanava da Rosellina, Giulia affidò la bimba a Clara una vicina di casa non più giovanissima. Non poteva rischiare che qualcuno dei suoi familiari scoprisse quello che aveva intenzione di fare.

Si mise in viaggio con il cuore in tumulto, era quasi arrivata a destinazione e dopo avere percorso novanta chilometri in autostrada, ricevette una telefonata allarmante, era Antonia, la nipote di Clara.

Sapendo dei buoni rapporti d’ affetto di Giulia con la zia, pensò di chiamare lei, le disse che era andata a trovare la zia e che dopo aver suonato insistentemente il campanello, senza ricevere alcuna risposta, aveva udito il pianto disperato di una neonata. Giulia andò in panico, non capì più nulla, le rispose di avere affidato sua figlia alla zia e di affrettarsi a chiamare il portiere il quale aveva una copia delle chiavi e le avrebbe potuto aprire la porta.

Intanto lei, senza alcun esito richiamò continuamente Clara. A questo punto non ci pensò due volte girò l’ auto e si diresse verso casa. Guidava come una forsennata, non riusciva a capire cosa poteva essere successo. I pensieri diventavano bui, le supposizioni erano delle più catastrofiche, avvertiva una stretta al cuore nel pensare che la sua piccolina fosse in pericolo. In quel momento stava realizzando solo che Rosellina era il suo mondo, tutto era diventato improvvisamente insignificante e stupido. L’ unica cosa veramente importante era sua figlia.

Dopo un po’ le arrivò l’ ennesima telefonata era ancora una volta Antonia, la quale la informò che Clara aveva avuto un capogiro ed era caduta sbattendo la testa perdendo conoscenza, per fortuna, una volta soccorsa, si era ripresa, anche se era stata trasportata in ospedale per ulteriori accertamenti. Ma la notizia che rese felice Giulia era il fatto che Rosellina stesse bene. Giulia arrivò a casa, salì le scale velocemente e trovandosi la piccolina davanti, scoppiò in lacrime, la figlia la guardava incuriosita e balbettò la sua prima parola: ” Ma… ma… mamma.” Giulia, incredula l’ abbracciò esclamando: ” Si piccolina sono la tua mamma e non ti lascerò mai più.”

Quella sera, Giulia affrontò il marito, raccontandogli tutto e poi aggiunse che doveva decidere se voleva stare ancora con lei. Ma il suo atteggiamento doveva assolutamente cambiare, lei voleva accanto un uomo che la considerasse principalmente una persona, che la sostenesse e non la facesse più sentire terribilmente sola. La sua indifferenza, per poco, non l’ aveva uccisa nell’ anima. Continuò dicendogli, che quando si ama veramente qualcuno, si deve fare in modo che sorrida alla vita e non che si abbrutisca ogni giorno di più, perché non si sente amata né desiderata.

Alberto ammise le sue mancanze aggiungendo che si era sentito messo da parte dopo la nascita della bimba e poi, la depressione della moglie, l’ aveva allontanato ancora di più. Le strinse le mani nelle sue, Giulia aspettava con ansia la risposta del marito, lui la guardò negli occhi dicendole: ” So di aver sbagliato, ma voi siete tutta la mia vita, non riuscirei ad immaginare un’ esistenza senza di voi, ti prego Giulia ricominciamo e poi mi piace tutto di te, anche quella piccolissima pancia che tu credevi essere la causa della mia freddezza.” Finalmente Giulia, aveva capito che trasmettendo il suo malessere al suo aspetto fisico in realtà voleva fuggire dai disagi che avvertiva in quel momento.

Si guardò allo specchio con occhi diversi, e vide solo una giovane mamma smagrita e con due occhi cerchiati dalla sofferenza, la sua pancia? Inesistente… Ora doveva pensare solo a trovare un po’ di serenità per sé, per Alberto e Rosellina. Quella stessa sera per cena preparò il piatto preferito di Alberto e per la prima volta dopo mesi, riuscì ad assaporare con gusto ogni boccone.

Anna Rossi 23/09/2015 11:26 489

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it