2986 visitatori in 24 ore
 175 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Sogni e sensazioni.

Anna Rossi

Ciao, di professione sono un'insegnante della scuola primaria, nonché mamma e moglie a tempo pieno.
Mi piace scrivere e far conoscere agli altri le mie Sensazioni ed i miei Sogni, cerco di fare ciò, nella musicalità poetica, ed avendo come obiettivo principale la trasmissione delle mie emozioni, ... (continua)


Anna Rossi

Anna Rossi
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Sorella Morte (15/09/2012)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Perduto l’attimo (16/10/2019)

La poesia più letta:
 
Gemiti d'amore (31/10/2015, 5184 letture)

Leggi la biografia di Anna Rossi!

Leggi i segnalibri pubblici di Anna Rossi

Leggi i 544 commenti di Anna Rossi


Leggi i racconti di Anna Rossi


Autore della settimana
 settimana dal 26/02/2018 al 04/03/2018.
 settimana dal 27/02/2017 al 05/03/2017.
 settimana dal 25/04/2016 al 01/05/2016.

Seguici su:



Cerca la poesia:



Anna Rossi in rete:
Invia un messaggio privato a Anna Rossi.


Anna Rossi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

La beffa del destino

Fantasy

Le si era seduta accanto nell’ auto con naturalezza, l’ aspetto un po’ trasognato, ecco il termine giusto, e con l’ aria canzonatoria di chi la sa lunga, sembrava un po’ fata, un po’ strega. Vestita con un abito blu decorato con fiocchi e nastri. I capelli biondi ed in mano un ventaglio rosa.

Alice era in ritardo, non aveva tempo di darle retta, era così impegnata a ricordare il copione. Finalmente, il sogno d’ una vita stava per realizzarsi, questo era l’ ennesimo provino, ma era sicura che ora ce l’ avrebbe fatta, a dispetto del parere dei suoi genitori, i quali disapprovavano la sua scelta di diventare attrice di teatro. Ma lei, caparbiamente, non aveva rinunciato ai suoi sogni e si era trasferita in una piccola pensione in città, ciò per avere la possibilità di realizzarli. Quella mattina era molto agitata, Cristian il suo amico del corso di recitazione, l’ aveva chiamata molto presto dicendole che l’ avevano inserita nella lista degli attori protagonisti, per farle fare il provino. Alice assonnata ed infastidita aveva risposto al telefono, ma in seguito, realizzando ciò che l’ amico le stava dicendo, era balzata seduta in mezzo al letto sgranando gli occhi dalla sorpresa e dalla felicità.

L’ opera che doveva recitare era una commedia di Goldoni e precisamente: “ La finta ammalata”, lei amava quel genere di rappresentazioni teatrali. Aveva ripassato la parte tutta la mattina, girando per casa come una fuori di testa, soprattutto la decima scena, il dialogo fra Rosaura e Colombina. Lei avrebbe dovuto interpretare la figlia di Pantalone cioè Rosaura. Per poterla ricordare meglio aveva imparato anche la parte di Colombina, così mentre passeggiava nervosamente per la stanza, ripeteva:

” Colombina - Via signora padrona, state allegra, non abbadate a tutto. Più che si pensa, più il male cresce. Finalmente non avete febbre, non avete verun cattivo accidente.

Rosaura - Oimè, Colombina, dammi la mano, che mi par di cadere.

Colombina - Tenete, sedete qui. Che cosa vi sentite?

Rosaura - Mi gira il capo.

Colombina - Non avete mangiato da ieri in qua. Vi girerà il capo per la debolezza. Eh via, mangiate qualche cosa.

Rosaura - Ma se non posso…”

E così continuò per un bel po’ a ripetere tutta la scena. Più tardi si vestì e com’ era il suo solito, voleva apparire più naturale possibile, un paio di jeans ed un maglioncino sciancrato, che scendeva morbido sui fianchi, al collo un foulard a fiori e non potevano mancare gli stivali altissimi. Aveva salutato con un bacio la cagnetta Domitilla e prendendo la sua sacca con tutti gli effetti personali, era letteralmente volata giù per le scale.

Nell’ atrio del palazzo, si era guardata e riguardata più volte al grande specchio e si trovava decisamente bella ed affascinante.

La sua mini Cooper, un regalo di papà per il compleanno, era parcheggiata sotto casa, salita in auto si appoggiò al sedile tirando un sospiro di sollievo per rilassarsi, aveva l’ adrenalina in corpo e sentiva quasi come se le mancasse il respiro. Pensava che non poteva fallire, questa volta era troppo importante per il suo futuro.

Poi l’ apparizione quasi magica di quella figura, pensò fra sé che non poteva essere vero, sembrava il personaggio di Rosaura. Imboccò la lunga e trafficata tangenziale a velocità sostenuta. La donna accanto le chiese: ” Allora sei sicura di affrontare questa prova? Sai fingere come me? Sono stata brava a darla a bere a tutti per un lungo periodo”.

Alice non le diede retta, doveva avere le allucinazioni per l’ ansia ma ogni tanto guardava sul sedile accanto per essere sicura che fosse ancora lì. Rosaura si sistemò l’ abito sventolando il suo ventaglio.

Alice pensò che fosse una gran maleducata, si comportava come se l’ auto fosse sua ed intanto, lei continuava a guidare come una pazza. Guardò l’ ora era terribilmente in ritardo, doveva prendere una scorciatoia, altrimenti non sarebbe mai arrivata in tempo. S’ infilò in un vicolo stretto e non si accorse che era senza via d’ uscita. Il muro le apparve davanti all’ improvviso, mentre Rosaura continuava il suo monologo senza ricevere alcuna risposta da parte di Alice.

Le stava dicendo: ” Sai ti dò alcuni suggerimenti per interpretare al meglio…” Seguì l’ urto… fu terribile, Alice sbalzò prima in avanti sbattendo violentemente la testa al vetro e poi fuori l’ abitacolo… strano non sentiva dolore. Si vedeva a terra in una pozza di sangue, mentre era attorniata da un gruppo di persone, accorse dopo l’ incidente. Sentiva le loro voci che la chiamavano e lei ripeteva che stava bene ma sembrava che non la sentissero.

Poi riapparve Rosaura che le disse: ” Volevo avvertirti che non sempre i sogni si realizzano, dobbiamo mettere in conto il nostro destino…!”

E quella voce da dove proveniva? Ma certo chi poteva essere? Era la mamma e lei si trovava nel suo letto, nella piccola villa dove abitavano. Che spaventoso sogno pensò Alice, intanto… ” Alice, Alice sveglia farai tardi…” Aprì gli occhi a fatica chiudendoli nuovamente per la luce accecante che penetrava nella stanza. La mamma le tirò giù le coperte, spalancando ancora di più le tende. Alice borbottò: ” Si mamma, ho capito adesso mi alzo, stavo sognando ed era tutto così reale, un incubo terribile… La mamma cercò di mantenere la calma rispondendo: ” Dai… dai me lo racconterai dopo, adesso non hai tempo.”

Alice notò che la sveglia si era fermata alle dieci e trenta e non se n’ era nemmeno accorta. Si vestì in fretta, salutò la mamma e la sua cagnetta e scese per le scale. Si sentiva come se si stessero ripetendo le stesse scene del sogno. S’ infilò in auto e ripartì velocemente. Era concentrata a ricordare la parte, ma provava un’ indefinibile angoscia, come se le dovesse succedere qualcosa di brutto, forse era dovuto solo, al terribile incubo che aveva fatto…

Presto si trovò imbottigliata nel caos cittadino fra pedoni ed auto, così pensò di imboccare un’ altra strada molto più tranquilla. Senza riflettere s’ infilò in una stradina stretta ed in un istante, si schiantò contro il muro. Un rivolo di sangue scendeva dalle sue labbra, gli occhi sbarrati senza più sogni, non aveva fatto i conti con il destino appunto un ladro di sogni, intanto, il suo orologio s’ era fermato per sempre alle dieci e trenta.

Anna Rossi 27/04/2016 06:57 1 622

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Il destino puo' essere veramente cattivo... un racconto che mi ha coinvolto... scritto bene si legge con piacere»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Anna Rossi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata

Poesie

Racconti

Amore
Sei qui davanti a me
Un amore speciale
Per amore di una donna
Quello che non si dice
Il dono della montagna
Continuare ad amare
Annabelle
Un corpo per due
Un cuore per due
Il colore della gioventù
Un'altra possibilità
Non piacersi più
La vita presenta il conto
Attimi rubati
L'abbandono
Continuare a vivere!
Quello che conta
Ipocrisia
Il volo di un angelo
Un dolore troppo grande
Paura d'amare
Le due amiche
Un Amore Sbagliato
Legami di sangue
Dramma
Il pescatore
Un'amica speciale
Il romanzo incompiuto
Notturno
Un pensiero ossessivo
Rosa d'inverno
L'ultimo libro
Erotismo e per adulti
La ragazza della copertina
Desideria
Ricatto d’amore
Romanzo piccante
La pantera
La prima volta di Maria Luce
L'incorregibile
Tutto può accadere
Il frutto proibito
La musa
Lo sconosciuto
Fantasy
Una storia di paese (L’inganno)
Una storia di paese (La premonizione)
Senza possibilità di fuga
Una storia di paese (U cori ferito)
Una storia di paese (La fermata sbagliata)
Una storia di paese
Senza passato
Un incontro inaspettato
Una famiglia ingombrante
Voglia di favole
Un giorno da uomo
Le burla di Cappuccetto Rosso
Paura del buio
Condannata
Una sera d' autunno
Artefice della propria vita
La svampita
Scene di un matrimonio
Un castello di bugie
La beffa del destino
Il violinista
Cuore di latta
Basta crederci!
La goccia
Un cuore di fanciulla
Un'incredibile storia
Un vecchio libro di fiabe
Il Monte Reventino
Il racconto di Neve
Giallo e Thriller
L'insospettabile
Uno scomodo passato
Ragazzi
Piccola storia
Jack il leprotto coraggioso
Sociale e Cronaca
La fuga
Voglia di volare
Senza maschere
L'imprevisto
Palla di lardo
Diagnosi sbagliata


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it